Vene Varicose: cosa succede se, dopo aver eliminato la safena, un punto di fuga già trattato recidiva?

Lo stripping (cioè la asportazione chirurgica della safena) o la eliminazione termica (con il Laser endovascolare) o con la schiuma sclerosante della safena è sempre preceduta dal trattamento del punto di fuga, cioè della comunicazione patologia fra vene superficiali e vene profonde.
Un punto di fuga, anche se trattato correttamente, può recidivare, cioè il sangue può ritornare a refluire ( cioè a scorrere in maniera opposta a quella normale) dalle vene profonde verso quelle superficiali. Questo evento è chiamato recidiva del punto di fuga.
Abbiamo detto che il sangue scorre dalle vene superficiali immediatamente sottocutanee verso la safena interna che invece è nello sdoppiamento della fascia e da quest’ultima nelle vene profonde.

Il flusso venoso

Come scorre il sangue venoso nel soggetto normale

In un punto di fuga non operato il sangue scorre dalla vena profonda nella safena. Ma se dopo l’intervento la comunicazione patologica fra le vene profonde e la superficie si riapre , cioè se il punto di fuga operato recidiva, mancando la safena il sangue raggiunge il sottocutaneo e fa dilatare nuove vene varicose la dove prima non si vedeva niente. Per fare un esempio è come fare una diga per ridurre il flusso di acqua nel fiume. Se la diga si rompe il fiume torna ad essere in piena, ma se quando la diga si rompe il fiume è stato eliminato, l’acqua della diga allagherà tutto ciò che trova nelle vicinanze del fiume.
Presupposto dello stripping è quindi che dopo aver chiuso il punto di fuga ed eliminato la safena non si riformi niente. Ma questo non è affatto così, infatti le recidive da punto di fuga già trattato rappresentano il 78% del totale delle recidive dopo stripping.
RecidivaPuntoFuga
In assenza della safena la recidiva di un punto di fuga da origine ad un quadro disastroso di nuove vene varicose alla coscia ed alla gamba molto più esteso di quanto lo fossero prima dell’intervento.
Se un punto di fuga recidiva dopo chirurgia emodinamica si verrà a creare una comunicazione simile a quella prima dell’intervento, cioè di un flusso patologico che dalle vene profonde raggiunge la safena . Questo flusso dopo CHIVA sarà indirizzato di nuovo nelle vene profonde attraverso le perforanti di rientro, e non sempre sarà necessario procedere ad un reintervento. Nel caso un nuovo trattamento sia necessario sarà molto più semplice di quello dopo la eliminazione della safena.

About Stefano Ermini

Si occupa di flebologia e del trattamento delle vene varicose con cura CHIVA, l'unica che consente di conservare la safena e la sua funzione! E' uno dei pionieri del metodo CHIVA in Italia che pratica con successo da più di vent'anni.
This entry was posted in Vene Varicose and tagged , , , , . Bookmark the permalink.
  • lidia

    buongiorno, vorrei un parere medico, sono in lista per togliere la safena alla gamba sx
    ma adesso il medico di base mi dice che sarebbe meglio aspettare perchè anche se la tolgo poi con molta propabilità mi si ingrosserà un altra vene. Mi fanno male se stò tante ore in piedi mi bruciano e poi mi fa impressione la mia gamba quando la guardo. La vena è molto ingrossata all’altezza del ginocchio sembra un antenna della televisione. Lei cosa mi consiglia?? Dimenticavo ho 47 anni e è già qualche anno che ho questo problema, prima non mi facevano male adesso se stò troppo in piedi si.
    La ringrazio molto per la sua risposta. Saluti

    • Buongiorno.
      Scusi il ritardo nella risposta dovuto ad un problema informatico.
      Il suo medico ha perfettamente ragione. Le consiglio di ascoltare questo video https://youtu.be/2j3_CJ0H7N0 .
      Eseguo la cura CHIVA da 25 anni e da 25 anni non ho tolto ne bruciato ( laser, scleromousse) la safena a nessuno.
      Ciò che le consiglio è la CHIVA, intervento che ha i migliori risultati a 10 anni, come pubblicato nella letteratura scientifica.
      Ovvio che chi non la sa fare ne parla male.
      Cordiali saluti

  • Salve. Ho fatto l’intervento chirurgico safena ad ottobre, pero mi fa molto male anche oggi, gambe gonfi.

    • La signora di cui sopra non è stata operata da me ed ha fatto (penso) l’intervento tradizionale.

  • Romana

    Buona sera io sono stata operata alla safena due mesi fa , ora ho tanti capillari rotti un disastro mi vergogno a mettere una gonna come posso fare ? C’è un rimedio x migliorare le mie gambe ?